Archivio della categoria: Objective C

I miei esperimenti e appunti su Objective C , mac osx e iOS programming

Cocos2d Mac Osx e Setup finestra e risoluzione rendering

Lavorando con Cocos2d su mac osx e non su dispositivo iOS, mi sono imbattuto nella complessità di gestire la finestra a diverse risoluzioni, a calcolare la toolbar o bottombar della finestra nei resize, e nella gestione del fullscreen, requisito oramai fondamentale affinché l’applicazione venga accettata sullo store per osx.

Dopo molti test e molti tutorial cercati sulla rete sono riuscito a trovare una strada che mi permetta di lavorare in maniera decente.

Come prima cosa ho ridimensionato la finestra nella view presente nel template di cocos2d, in modo da gestire l’intera area, portandola da questa:
1

a questa (facendo in modo che la view interna occupi l’intera area della finestra)
2

e poi negli attributi della window, settare il fullscreen:

3

Fatto questo, nel nostro AppDelegate, dove generalmente inizializziamo il nostro framework e la nostra applicazione, arriviamo a definire e ridefinire una serie di caratteristiche della finestra, della view opengl e del frame:

Inizializziamo il nostro director e prendiamo le dimensioni del display principale, e calcoliamo la dimensione della title bar facendo la differenza tra le dimensioni dei due frame ottenuti:

1
2
3
4
5
6
NSRect frameOpenGL = glView_.frame;
NSRect frameWindow = window_.frame;
NSRect mainDisplayRect = [[NSScreen mainScreen] frame];
CGFloat display_width = mainDisplayRect.size.width;
CGFloat display_height = mainDisplayRect.size.height;
CGFloat titleBarHeight =frameWindow.size.height-frameOpenGL.size.height;

 
a questo punto calcoliamo l’aspect ratio dello schermo, per capire se stiamo lavorando in 4:3, 16:9, 16:10 etc, questo perche vogliamo riproporre lo stesso aspect ratio alla nostra finestra.

1
double ar = mainDisplayRect.size.width / mainDisplayRect.size.height;

Definiamo la dimensione iniziale che vogliamo dare alla finestra (forzando cosi la dimensione definita nel nostro Xib)
La height la calcoliamo in base alla width e al nostro aspect ratio.

1
2
CGFloat min_width = 800;
CGFloat min_height = roundf(min_width / ar);

poi impostiamo la risoluzione della view opengl. Le due sono indipendenti. Possiamo avere una finestra di 800×600 pixel ma ad una risoluzione inferiore o maggiore. Ovviamente maggiore e’ la risoluzione e migliore sarà la qualità grafica.

1
2
CGFloat work_width = 1280;
CGFloat work_height = roundf(work_width / ar);

ora aggiorniamo la dimensione del frame (del rettangolo) della finestra e della view opengl con i dati impostati precedentemente e impostiamo l’aspect ratio alla finestra:

1
2
3
4
[window_ setFrame:NSMakeRect(0, 0, min_width, min_height+titleBarHeight ) display:YES];

[glView_ setFrame:CGRectMake(0, 0, min_width, min_height)];
[window_ setContentAspectRatio:NSMakeSize(display_width, display_height)];

infine centriamo la finestra nello schermo sulla base della risoluzione e del frame .

1
2
3
NSScreen * screen = window_.screen;
NSRect r = screen.frame;
[window_ setFrameTopLeftPoint:NSMakePoint(r.size.width/2 - frameWindow.size.width/2, r.size.height/2 + frameWindow.size.height/2)];

In questo modo otteniamo un sistema gestibile per il controllo della dimensione della finestra a runtime e della risoluzione di rendering.

Cocos2d, Sprite, Nodi e Bitizens

Rieccoci con un breve tutorial, nato dalla passione per una serie di giochi per iphone, come Tiny Towers e Pocket Planes.

In questi giochi vediamo la presenza dei Bitizens, dei piccoli “cittadini” a 8 bit, customizzabili e realizzati con un inconfondibile stile retro a 8 bit.

Incuriosito dalle infinite possibilità di personalizzazione, apro il package del gioco nella sua versione mac, prendo le immagini che compongono i bitizens e provo a ricostruirli, assemblando in un piccolo progetto una classe MyBitizens che permette la creazione di questi sprite formati da piu livelli. La costruzione dei Bitizens e’ relativamente facile. Basta usare un programma di grafica che permette il disegno su piu livelli e disegnare la testa e le braccia su un livello, la maglia su un altro , un altro livello per i pantaloni e uno per il cappello. Inoltre e’ possibile sovrapporre anche occhiali e intere suite di vestiti gia assemblati. Esportando tutti i livelli come png differenti, con trasparenza, possiamo poi riassemblarle in maniera molto semplice. Per l’esempio è stato utilizzato il motore 2d Cocos2D per Mac Osx e Xcode come ambiente di sviluppo.

Screenshots dell'applicazione BitizenExamples,

Screenshots dell’applicazione BitizenExamples,

Definiamo innanzitutto un header per la nostra classe MyBitizen, definendo le caratteristiche pubbliche di questo oggetto:

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
#import "cocos2d.h"
#import "CCSprite.h"
typedef enum {
BitizenTags_hair=1,
BitizenTags_head=2,
BitizenTags_eyes=3,
BitizenTags_shirt=4,
BitizenTags_pants=5,
BitizenTags_shoes=6,
BitizenTags_glasses=7,
BitizenTags_hat=8,
BitizenTags_suite=100
} BitizenTags;

@interface MyBitizen : CCNode
{
float scaleFactor;
int startSpriteX;
int startSpriteY;
CCSprite *eyes;
}

-(id) initWithScaleFactor:(float)pScaleFactor withPositionX:(int)positionX withPositionY:(int)positionY;
-(void)showSuite:(BOOL)flag;
-(void)showShirt:(BOOL)flag;
-(void)showGlasses:(BOOL)flag;
-(void)showHat:(BOOL)flag;
-(void)setSuite:(int)suiteId;
-(void)setFemale:(BOOL)flag;

@end

Definiamo cosi che il nostro MyBitizen estende un CCNode ha delle caratteristiche come uno scaleFactor che ci permetterà di fare lo scale di tutto il nodo, una x e una y iniziale e dei metodi per mostrare un vestito unico, mostrare o no la maglietta, gli occhiali, il cappello e se maschio o femmina.

Il costruttore del nostro Bitzen accetta in input il parametro dello scale da effettuare (per fare lo zoom perche sono a bassa risoluzione e quindi piccoli), la x e la y di partenza per calcolare poi gli offsets di ogni pezzo da montare.

Il nostro Bitizen si comporrà cosi di un insieme di sprite , ognuno rappresentante uno dei livelli che compone il nostro personaggio. Questo ci permette di avere personaggi dalle customizzazioni praticamente infinite.

Nel costruttore generiamo la base del personaggio (capelli, occhi, maglia, pantaloni e scarpe)

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
46
47
48
49
50
51
52
53
54
55
56
57
58
59
60
61
62
63
64
65
66
67
68
69
70
71
72
73
74
75
76
77
78
79
80
81
-(id) initWithScaleFactor:(float)pScaleFactor withPositionX:(int)positionX withPositionY:(int)positionY
{
    if( (self=[super init])) {
        scaleFactor = pScaleFactor;

        startSpriteX = positionX;
        startSpriteY = positionY;
        //disegno sprite
       
        [self setFemale:NO];
       
        //maglietta
        int shirtOffsetX=1 *scaleFactor;
        int shirtOffsetY=-3 *scaleFactor;
        CCSprite *shirt = [CCSprite spriteWithFile:@"bitizen-shirt.png"];
        [shirt setPosition:ccp(startSpriteX+shirtOffsetX,startSpriteY+shirtOffsetY)];
        shirt.scale = scaleFactor;
        ccColor3B shirtColor = ccc3(arc4random() % 255,arc4random() % 255,arc4random() % 255);
        [shirt setColor:shirtColor];
        [shirt.texture setAliasTexParameters];
        [self addChild:shirt z:200 tag:BitizenTags_shirt];
       
        //testa
        int headOffsetX = 1*scaleFactor;
        int headOffsetY = 2*scaleFactor;
        CCSprite *head = [CCSprite spriteWithFile:@"bitizen-head.png"];
        [head setPosition:ccp(startSpriteX+headOffsetX,startSpriteY+headOffsetY)];
        head.scale = scaleFactor;
        ccColor3B headColor = skinColors[ arc4random() % 5];
        [head setColor:headColor];
        [head.texture setAliasTexParameters];
        [self addChild:head z:100 tag:BitizenTags_head];
       
       
        //occhi
        int eyesOffsetX = 1*scaleFactor;
        int eyesOffsetY = 5*scaleFactor;
        eyes = [CCSprite spriteWithFile:@"bitizen-eyes.png"];
        [eyes setPosition:ccp(startSpriteX+eyesOffsetX,startSpriteY+eyesOffsetY)];
        eyes.scale = scaleFactor;
        ccColor3B eyesColor = ccc3(0,0,0);
        [eyes setColor:eyesColor];
        [self addChild:eyes z:600 tag:BitizenTags_eyes];
        //blink =[CCBlink actionWithDuration:1.5 blinks:1] ;
       
        //CCActionInterval *blink =[CCRepeatForever actionWithAction:[CCBlink actionWithDuration:1.5 blinks:1]];
        CCBlink *blink =[CCBlink actionWithDuration:.2 blinks:arc4random() %2];
        CCDelayTime *delay = [CCDelayTime actionWithDuration:(arc4random()%5)+3];
       
        CCSequence *sequence = [CCSequence actions:blink,[CCShow action],delay,[CCShow action],nil];
       
        CCRepeatForever *forever = [CCRepeatForever actionWithAction:sequence];
       
        [eyes runAction:forever];
       
        //pantaloni
        int pantsOffsetX=1*scaleFactor;
        int pantsOffsetY=-6*scaleFactor;
        CCSprite *pants = [CCSprite spriteWithFile:@"bitizen-pants.png"];
        [pants setPosition:ccp(startSpriteX+pantsOffsetX,startSpriteY+pantsOffsetY)];
        pants.scale = scaleFactor;
        ccColor3B pantsColor = ccc3(arc4random() % 255,arc4random() % 255,arc4random() % 255);
        [pants setColor:pantsColor];
        [pants.texture setAliasTexParameters];
        [self addChild:pants z:520];
       
        //scarpe
        int shoesOffsetX=1*scaleFactor;
        int shoesOffsetY=-7*scaleFactor;
        CCSprite *shoes = [CCSprite spriteWithFile:@"bitizen-shoes.png"];
        [shoes setPosition:ccp(startSpriteX+shoesOffsetX,startSpriteY+shoesOffsetY)];
        shoes.scale = scaleFactor;
        shoes.flipY=YES;
        ccColor3B shoesColor = ccc3(arc4random() % 255,arc4random() % 255,arc4random() % 255);
        [shoes setColor:shoesColor];
        [shoes.texture setAliasTexParameters];
        [self addChild:shoes z:510];
                     
    }
    return self;
}

Negli altri metodi utilizziamo la getChildByTag per trovare di volta in volta lo sprite contenuto nel nostro CCNODE esteso (self) e cercare il livello interessato per interagire con le sue caratteristiche, ad esempio per mostrare gli occhiali o rimuoverli:

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
-(void)showGlasses:(BOOL)flag{
   
    if (flag){
        //occhiali
        int glassesOffsetX = 1*scaleFactor;
        int glassesOffsetY = 5*scaleFactor;
        CCSprite *glasses = [CCSprite spriteWithFile:@"bitizen-glasses0.png"];
        [glasses setPosition:ccp(startSpriteX+glassesOffsetX,startSpriteY+glassesOffsetY)];
        glasses.scale = scaleFactor;
        [glasses.texture setAliasTexParameters];
        [self addChild:glasses z:620 tag:BitizenTags_glasses];
    }else{
        [self removeChildByTag:BitizenTags_glasses cleanup:NO];
    }

}

Ogni ccSprite che compone l’immagine deve essere posizionato tramite degli offset x e y che vanno calcolati sulla base delle immagini che andiamo a sovrapporre.

Inoltre lavorando ad 8 bit, e’ importante che ogni texture supporti l’alias,mediante il metodo:

1
[skin.texture setAliasTexParameters];

Nel nostro layer di cocos2d che descrive la scena, andiamo a utilizzare in maniera molto semplice la nostra classe bitizen per mostrarne alcuni a video:

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
        double bitizenScaleFactor = 2.0;
        int posY = 120;
        MyBitizen *bitizen1 =[[MyBitizen alloc]initWithScaleFactor:bitizenScaleFactor withPositionX:100 withPositionY:posY];
       
        [bitizen1 showHat:YES];
        [self addChild:bitizen1];
       
       
        MyBitizen *bitizen2 =[[MyBitizen alloc]initWithScaleFactor:bitizenScaleFactor withPositionX:150 withPositionY:posY];
        [bitizen2 setSuite:2];
        [bitizen2 showShirt:NO];
        [self addChild:bitizen2];

        //bitizens random
        for (int i =0; i<10; i++) {
            int xpos = arc4random() %600 +20;
            MyBitizen *bitizenX =[[MyBitizen alloc]initWithScaleFactor:bitizenScaleFactor withPositionX:xpos withPositionY:posY];
            [bitizenX showHat:CCRANDOM_0_1()<0.5f];
            [bitizenX showGlasses:CCRANDOM_0_1()<0.5f];
            [bitizenX setFemale:CCRANDOM_0_1()<0.5f];
            [self addChild:bitizenX];
        }

Infine una caratteristica di questi Bitizens è il fatto che sbattono gli occhi. Realizziamo questo rendendo visibile invisibile il layer degli occhi, registrando una sequenza di animazione che sfrutta il Blink , un DelayTime e un RepeatForever:

1
2
3
4
5
6
7
8
        CCBlink *blink =[CCBlink actionWithDuration:.2 blinks:arc4random() %2];
        CCDelayTime *delay = [CCDelayTime actionWithDuration:(arc4random()%5)+3];
       
        CCSequence *sequence = [CCSequence actions:blink,[CCShow action],delay,[CCShow action],nil];
       
        CCRepeatForever *forever = [CCRepeatForever actionWithAction:sequence];
       
        [eyes runAction:forever];

Clicca qui per scaricare il progetto XCode dell’esempio BitizenExample

Parte del codice è stato preso da questo tutorial.

 

Kingdom:Undead Control Handlers

Nel disegno del codice, mi sono accorto di una cosa che a tendere rendeva illeggibile e poco gestibile il codice, la gestione degli eventi mouse, touch e keyboard da parte dei CCLayer di cocos2d.

Dovendo mostrare diversi CCNode contenenti UI realizzate con cocos, come ad esempio la scheda del giocatore, piuttosto che un menu di scelta, una popup modale magari realizzata con texture fatte adhoc, la gestione degli eventi rimaneva tutta comunque nell’implementazione del cclayer contenente tutta la parte principale del gioco.

Così ho deciso di estendere il cclayer, aggiungendo la possibilità di fornire gli eventi a dei delegati. Questo mi permette di “responsabilizzare” il codice al meglio, lasciando ad esempio la gestione del click su un certo pulsante solo nel ccnode che lo contiene.

Questo e’ un esempio di come estendere il CCLayer:

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
//
// CCLayerControlServer.h
// KingdomUndead
//
// Created by Andrea Magini on 04/04/12.
// Copyright (c) 2012 metalide. All rights reserved.
//

#import
#import "cocos2d.h"
#import "KeyboardControlHandler.h"
#import "MouseControlHandler.h"

@interface CCLayerControlServer : CCLayer{
@private

idkeyboardDelegate;
id mouseDelegate;
}
@property (nonatomic,retain)id keyboardDelegate;
@property (nonatomic,retain)id mouseDelegate;

@end

E questa la sua implementazione:

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
43
44
45
//
// CCLayerControlServer.m
// KingdomUndead
//
// Created by Andrea Magini on 04/04/12.
// Copyright (c) 2012 metalide. All rights reserved.
//

#import "CCLayerControlServer.h"

@implementation CCLayerControlServer
@synthesize keyboardDelegate;
@synthesize mouseDelegate;
-(id) init
{
if( (self=[super init])) {
self.isMouseEnabled = YES;
self.isKeyboardEnabled = YES;
}
return self;
}

-(BOOL) ccKeyUp:(NSEvent *)event
{

[keyboardDelegate handleKeyUp:event];
return NO;
}

-(BOOL) ccMouseUp:(NSEvent *)event{
[mouseDelegate handleMouseUp:event];
return YES;
}

-(BOOL) ccMouseDragged:(NSEvent *)event{
[mouseDelegate handleMouseDragged:event];
return YES;
}

-(void)dealloc{
[keyboardDelegate release];
[mouseDelegate release];
[super dealloc];
}
@end

In questo modo tutti gli eventi intercettati dal layer vengono passati di volta in volta ai delegati registrati.
In ogni momento posso ad esempio deregistrare il layer come delegato per gli eventi e registrare un particolare CCNODE che gestisce una popup che si e’ appena mostrata a video.

I delegati devono avere un particolare Protocol per rispondere agli eventi mouse, o tastiera (o touch su iOS)

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
//
//  KeyboardControlHandler.h
//  KingdomUndead
//
//  Created by Andrea Magini on 04/04/12.
//  Copyright (c) 2012 metalide. All rights reserved.
//

#import <Foundation/Foundation.h>
#import <Carbon/Carbon.h>

//per gestire il controllo sui vari ccnode e layers in modo da abilitare e disabilitare il controller

@protocol KeyboardControlHandler <NSObject>
@required
-(void) handleKeyUp:(NSEvent *)event;
@end

Questo permette di snellire il codice del CCLayer evitando di mettere tonnellate di if nei vari mousebuttonup, down, keyup etc e andando invece a gestire gli eventi
in maniera opportuna nei vari ccnode contenuti nella scena principale. Un esempio pratico è quello per la gestione degli eventi sull’HUD , lasciandoli gestire direttamente al CCNODE in questione, separandolo dagli eventi di gioco.

Come registrare un delegato:

1
2
3
@interface HudNode : CCNode<KeyboardControlHandler>{

}

Nel codice del CCLayer principale, durante l’init registro il CCNode dell’hud, e poi lo imposto come delegato per la gestione degli eventi tastiera

1
2
   [self addChild:hudNode];
   [self setKeyboardDelegate:hudNode];

e poi nel CCNode che implementa l’hud, implemento il metodo del Protocol KeyboardControlHandler

1
2
3
4
5
6
7
-(void) handleKeyUp:(NSEvent *)event{
    CCLOG(@"key up: %@", [event characters] );
    UInt16 keyCode = [event keyCode];
    if (keyCode == kVK_Space) {
       //fai qualcosa :)
    }
}

Spero sia chiaro 🙂